A breve cominceranno ad accendersi i condizionatori, ma prima di farlo è importante pulire filtri, erogatori e unità esterna, controllare i condensatori e rimediare eventuali perdite di gas, assicurando un buon funzionamento dell’impianto ed evitando sprechi energetici nel suo utilizzo. Ecco come si fa la manutenzione del condizionatore. SANIFICAZIONE OBBLIGATORIA PER LEGGE. Il decreto legge Il decreto legge 81 di aprile 2009 impone l’obbligo di “sanificazione” ogni 2 anni, effettuando una pulizia molto approfondita del condizionatore con l’intervento di tecnici specializzati.

Anche se c’è da controllare il gas refrigerante dei condensatori bisogna rivolgersi a personale qualificato.

La sanificazione deve essere sempre fatta prima e al termine dell’utilizzo del clima, in modo da evitare le incrostazioni di polveri e condensa. Grazie alla periodica pulizia, si scongiura il pericolo di legionella, un batterio che può contaminare l’acqua degli impianti di deumidificazione. Questo può essere diffuso con il ricircolo dell’aria condizionata, raggiungendo così le vie respiratorie e mettendo a rischio la propria salute. Per la PULIZIA dello SPLIT INTERNO  si utilizza prima il detergente schiumogeno e poi il sanificante spray.

Gli interventi di manutenzione di un condizionatore: quali eseguiamo ?

Per interventi di manutenzione di un condizionatore si intendono, dunque, tutti quegli interventi che possono essere classificati come “salva condizionatore,salva bolletta e salvaguardia della salute” come:

controllo e verifica dei componenti principali del condizionatore;
pulizia dei filtri per la deumidificazione, filtri pollini, etc con prodotti germicidi;
pulizia dell’unità intera ed esterna del condizionatore;
controllo del livello del gas;

La ditta Gualtieri si avvale di Tecnici specializzati per la sanificazione dei climatizzatori di qualsiesi marca.

Per info chiama lo 0961-702014